Galleria d’arte moderna, Palazzo Pitti, Firenze Tempo Reale e tempo della realtà Gli orologi di Palazzo Pitti dal XVII al XX secolo

 

Galleria d’arte moderna, Palazzo Pitti, Firenze

Tempo Reale e tempo della realtà

Gli orologi di Palazzo Pitti dal XVII al XX secolo

orologio_da_mensola-kFZB-1280x960Web.jpg_997313609

Prorogata al 5 marzo 2017 la mostra Tempo Reale e tempo della realtà. Gli orologi di Palazzo Pitti dal XVII al XX secolo per i grandi consensi di pubblico e i riconoscimenti della critica.

In mostra circa sessanta orologi selezionati da un patrimonio di 200 esemplari, legati al Palazzo oppure donazioni per le collezioni museali, scelti in base alla forma e destinazione d’uso ed ambientati in una suggestiva scenografia di arredi e dipinti coevi.

Arredi di pregio, gli orologi, hanno regolato i ritmi della vita a corte in tutta la loro qualità tecnico scientifica e storico artistica.

Esposta anche un’ ampia panoramica di strumenti scientifici, come la replica del Giovilabio di Galileo o diversi esemplari di orologio solare, utilizzati prima dell’ invenzione dell’orologio e provenienti da altri musei fiorentini quali il Museo Galileo e il Museo Stibbert.

9b257e5d53552ed464780f3e3eb499e6_L

L’ allestimento spettacolare sottolinea gli stili di epoche diverse, ed i gusti di coloro che si successero sul trono del Granducato di Toscana: dalla sobria eleganza della religieuse decorata con lo stemma mediceo e con la mostra sorretta dalla figura alata e barbuta, allegoria del tempo, all’orologio raffigurante una maestosa Aurora. Manufatti decorati con divinità mitologiche, personificazione di idee astratte legate allo scorrere delle ore, ma anche animali dal significato metaforico, come nell’esemplare di orologio da mensola su dorso di un elefante, simbolo di pazienza e longevità.

La mostra Tempo Reale e tempo della realtà è nata dal desiderio di richiamare per la prima volta l?attenzione del pubblico sull?importante collezione di orologi conservata nei prestigiosi ambienti di Palazzo Pitti, attraverso una significativa scelta di tali oggetti d?arte (circa sessanta orologi selezionati da un patrimonio totale di oltre 200 esemplari, la maggior parte storicamente legati al Palazzo oppure acquisiti in seguito a donazioni per le collezioni museali), selezionati in base alla forma e destinazione d?uso ed ambientati in una suggestiva scenografia di arredi e dipinti coevi, Firenze, 10 Settembre 2016. ANSA/ UFFICIO STAMPA +++ NO SALES EDITORIAL USE ONLY +++

Un’altra sezione è dedicata al rapporto fra tempo e musica con congegni sonori applicati al meccanismo dell’orologio, come l’Orchestrion esposto nella Sala della Musica, con suono simile ad un’orchestra.

Altri importanti gruppi di orologi da persona, pervenute al Museo del Tesoro dei Granduchi a partire dal 1929, sinonimo di eleganza sia maschile che femminile, sono accostati a dipinti così da poter osservare come si indossavano tali accessori.

42649-Fig_2a

Infine l’orologio da polso da indossare sottolinea il cambiamento sociale adeguato ai frenetici ritmi della vita moderna.

La mostra a cura di Enrico Colle e Simonella Condemi, , come il catalogo edito da Sillabe, è promossa dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo con le Gallerie degli Uffizi e Firenze Musei.

A-M. D. P.

Galleria d’arte moderna, Palazzo Pitti, Firenze, fino al 5 marzo 2017

Galleria d’arte moderna, Palazzo Pitti, Firenze Tempo Reale e tempo della realtà Gli orologi di Palazzo Pitti dal XVII al XX secoloultima modifica: 2017-01-19T16:47:39+00:00da annadipaolo
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento